decluttering semplicità

Decluttering: fare ordine e ritrovare la semplicità in casa

Autore Tamara
414 Views

Il decluttering è una pratica che permette di liberarsi dal superfluo, riconoscendo e valorizzando ciò che davvero serve ed è importante per vivere serenamente. Molto diffusa nei paesi anglosassoni, questa tecnica nasce negli Stati Uniti, si ispira ai principi del feng shui e all’essenzialità tipica dello stile di vita orientale. Il suo nome deriva dal termine inglese declutter che letteralmente significa fare spazio, mettere in ordine.

Spesso infatti ci ritroviamo ad accumulare cose che con il passare del tempo diventano inutili e di poca rilevanza. Questi oggetti finiscono per riempire le stanze di casa facendoci perdere la vera essenza delle cose, affollando il nostro spazio vitale e complicando così la nostra vita senza che ce ne rendiamo effettivamente conto. Diventa quindi necessario essere in grado di riconoscere ciò che è importante e riuscire a liberarsi del resto. La parola d’ordine è semplificare, e semplificare il più delle volte significa togliere.


I vantaggi del decluttering per la casa e per l’anima

Fare decluttering in casa permette di ottenere spazi ordinati, confortevoli e pratici, in armonia con uno stile di vita semplice e autentico, riducendo al minimo sia il tempo necessario per svolgere le attività quotidiane, sia lo stress che comporta avere una casa in disordine.

Non si tratta quindi di un’attività meramente pratica volta a riordinare casa, ma diventa utile anche a livello psicologico, in quanto permette di creare le basi per un ambiente sereno. Aiuta inoltre a liberarsi dagli oggetti che ci tengono ancorati al passato, aprendo così la mente al futuro e a nuove possibilità.

decluttering come fare

Come fare: organizzati e occupati di una stanza per volta

La prima cosa da fare è organizzarsi in base al tempo che si ha a disposizione per questa attività. L’ideale sarebbe ritgliarsi qualche giorno per potersi dedicare a tutti gli ambienti della casa, ma se si dispone di meno tempo, si può procedere ugualmente occupandosi magari solo di alcuni ambienti oppure dedicando qualche minuto tutti i giorni a questa attività.

Creare un programma di decluttering significa stilare una classifica delle stanze e degli spazi, mettendo al primo posto quelli che hanno più bisogno di essere risistemati e poi in ordine tutti gli altri. Stabilisci quanto tempo ti servirà per ognuno e suddividi il lavoro per attività da svolgere o per categorie di oggetti. Se vuoi vedere un esempio di programma, ne trovi uno nel post sul riordino a cui mi sono dedicata quest estate.

Procurati 4 scatoloni che ti serviranno per dividere le cose da buttare, quelle da tenere, gli oggetti da regalare o vendere e quelli da conservare. Gli oggetti da tenere sono quelli che ti sono davvero utili e che per te sono importanti, se invece ci sono oggetti in buono stato che a te non servono più, ma che possono tornare utili a qualcun altro, li riporrai tra le cose da vendere/regalare. Tutti quegli oggetti che sono stagionali, che al momento non ti servono, ma torneranno utili nei prossimi mesi andranno tra le cose da conservare con destinazione cantina, garage o soffitta. Tutto il resto va buttato.

Puoi fare questa attività da sola, oppure puoi farti aiutare da qualcuno. Se abiti con altre persone, una buona idea può essere condividere questa attività con loro. In ogni caso, rispetta sempre chi abita con te, eventualmente puoi metterti d’accordo e preparare uno scatolone per ognuno in cui riporre le cose che non sono tue e che andranno catalogate.

decluttering consigli

Procedi uno spazio per volta e quando questo sarà ultimato, passa al successivo.

In ogni spazio/stanza tira fuori tutto quello che trovi e appoggialo su un piano libero. A questo punto dovrai decidere come catalogare tutte le cose mettendole negli appositi scatoloni. Non perdere troppo tempo per decidere dove va ogni cosa, il tuo istinto sarà un ottimo consigliere e, se ti ritroverai a pensare a lungo se tenere o meno qualcosa, forse significa che quell’oggetto non ti è poi così tanto utile. Pensa a quando lo hai usato negli ultimi 12 mesi e nel dubbio puoi sempre prevedere un ulteriore scatolone con le cose che non sai dove destinare e dargli un tempo tra i 6-12 mesi al termine del quale aprirai la scatola e butterai tutto quello che non hai utilizzato in quel periodo.

Dopo un’accurata pulizia degli spazi, riponi gli oggetti da tenere organizzandoli come ritieni più adeguato alle tue esigenze.

Ricordati di rispettare l’ambiente e fare la raccolta differenziata per le cose che butterai. Se preferisci puoi usare dei sacchi già divisi carta/plastica/vetro/non riciclabile al posto di un solo scatolone, oppure dividere il tutto in una secondo momento.


Come mantenere i risultati nel tempo

Dopo tutto questo lavoro posso assicurarti che ti sentirai molto più leggera, potrai tirare un grande sospiro di sollievo e goderti la tua casa rimessa a nuovo e molto più vivibile.

Ricordati però che, per non vanificare il tuo lavoro, dovrai prestare attenzione nel fare acquisti consapevoli che non vadano a riempire di nuovo la tua casa di cianfrusaglie. Esiste una piccola regola che ti permette di far durare i risultati che avrai ottenuto per molto tempo: per ogni cosa che entra una o due devono uscire.

La semplicità è una grande virtù, ma occorre un duro lavoro per raggiungerla nonché gusto per apprezzarla. E come se non bastasse: la complessità vende meglio.

– Edsger Wybe Dijkstra

Questo articolo è una mini guida sul decluttering che spiega le basi di questa pratica sempre più diffusa. Se vuoi approfondire, esistono numerose risorse sul web, libri e guide complete che puoi leggere per imparare a utilizzare questa tecnica che ti aiuta a fare spazio in casa e nel tuo quotidiano.

Anche io ho provato il decluttering: tra gli articoli precedenti, trovi il programma del riordino generale di casa che ho fatto quest estate e nella seconda parte dello stesso post puoi leggere come è andata e qualche altro consiglio utile.

Per concludere mi piacerebbe sapere cosa pensi del decluttering, magari lo hai già provato e hai qualche buon consiglio da dare. In ogni caso, per dubbi o curiosità scrivimi nei commenti, sarò felice di rispondere alle tue domande.

articoli correlati

Lascia un commento

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.